//
Archivi

Politiche

Questa categoria contiene 7 articoli

Aborto e legge 194, la lezione delle donne di Napoli

Dietrofront dell’ASL 1 di Napoli, che ad agosto aveva stipulato una convenzione per l’insediamento di un’associazione cattolica antiabortista nei consultori pubblici e nei reparti ospedalieri di interruzione volontaria di gravidanza. Continua a leggere

Annunci

Aborto chirurgico o farmacologico? La scelta è della donna!

Le donne che chiedono di interrompere una gravidanza devono avere accesso alle tecniche più moderne, più rispettose della loro integrità fisica e psichica e meno rischiose. Lo prevede, da 40 anni, la legge 194. L’aborto farmacologico è una tecnica sicura ed economica, eppure è utilizzata solo nel 15,7% dei casi, perché una serie di condizioni … Continua a leggere

IVG in Lombardia. Sara Valmaggi: assumere personale non obiettore

I dati forniti ogni anno sulle interruzioni volontarie di gravidanzadal Ministero della salute sono raggruppati per regione. Il Pd in Lombardia li ha raccolti, invece, per singolo presidio ospedaliero. In questo modo ha dato una mappa dettagliata di quanti aborti, chirurgici o farmacologici, si fanno ogni anno in ciascuna struttura della regione. Dalla mappatura emergono anche i numeri dell’obiezione di coscienza del personale: ginecologi, … Continua a leggere

Aborto e legge 194 le proposte dell’epidemiologo Michele Grandolfo

Sta alle Regioni organizzare e garantire i servizi previsti dalla legge 194 e, dove non lo facessero, i responsabili potrebbero essere accusati di interruzione di pubblico servizio. Lo afferma Michele Grandolfo, epidemiologo, già dirigente di ricerca all’Istituto superiore di sanità, che propone soluzioni concrete per ridurre al minimo l’impatto dell’obiezione di coscienza e garantire il miglior funzionamento … Continua a leggere

Da Strasburgo a Roma. La politica e il diritto alla salute delle donne nell’accesso a contraccezione e aborto

Il recente voto al Parlamento europeo sul Rapporto Tarabella e le vicende locali che hanno visto la protesta preventiva di donne e associazioni romane sulla eventualità di un primario confessionale all’Ospedale San Camillo di Roma sono state l’occasione per porre all’attualità il problema dell’applicazione della legge 194 in rapporto a tassi sempre più alti di obiezione di coscienza. Vedi le interviste a Laura Puppato e Pia Locatelli Continua a leggere

Pia Locatelli su aborto in Europa e in Italia. L’obiezione di coscienza è un diritto ma non se è strumentale

Pia Locatelli, deputata socialista iscritta al gruppo misto, è stata parlamentare europea tra il 2009 e il 2014 e tra le sue specificità rientrano la politica estera e le politiche di genere. Con lei abbiamo parlato dei segnali che arrivano dall’Europa in materia di diritti sessuali e riproduttivi e delle responsabilità politiche nella mancata applicazione della legge 194 in Italia. Continua a leggere

Laura Puppato sull’aborto. La posizione del Partito democratico, le responsabilità del Ministero della salute

Laura Puppato, senatrice del Partito democratico, è per la piena applicazione della legge 194 sull’interruzione volontaria di gravidanza. Anche lei, come le deputate Pia Locatelli (Psi) e Celeste Costantini (Sel), ha raccolto l’invito di Vita di donna, Laiga, Agite, e Noi donne, a fare il punto sulla situazione in Europa e in Italia. L’occasione è stata il voto al Parlamento … Continua a leggere

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Diritti d’autore

I materiali del sito sono rilasciati sotto licenza Creative commons 3.0 – non commerciale – condividi allo stesso modo.

Partner

Annunci