//
stai leggendo...
Ospedali, Politiche

Aborto durante il coronavirus, le testimonianze tra servizi sospesi e obiettori: “Telefoni squillavano a vuoto”. “Io respinta da 3 ospedali”

l ministero della Salute, dall’inizio dell’emergenza sanitaria, ha ribadito che l’interruzione di gravidanza è una prestazione non differibile. Ma nonostante gli appelli non ha dato il via libera all’aborto farmacologico da casa che avrebbe ridotto gli spostamenti delle donne e ridotto i tempi. Ilfattoquotidiano.it ha raccolto le voci di chi nelle ultime settimane ha dovuto abortire tra difficoltà e ostacoli

Reparti chiusi, mancanza di servizi per l’orientamento e ritardi. Le testimonianze raccolte da ilfattoquotidiano.it da Nord a Sud dell’Italia raccontano come interrompere la gravidanza durante l’emergenza sanitaria per il coronavirus sia stato in molti casi difficoltoso. Il ministero della Salute, nonostante gli appelli perché fosse reso possibile l’aborto farmacologico a casa, si è limitato a ribadire che l’interruzione di gravidanza è una prestazione non differibile.

In Italia l’aborto è garantito solo nel 64% circa delle strutture. Una situazione precaria che mette a rischio il diritto tutelato dalla legge 194, a cui si aggiungono: i buchi nella continuità assistenziale e la frammentazione dei servizi. Una delle prime problematiche per chi ha dovuto abortire in piena emergenza covid, è stata la mancanza di un sito istituzionale in cui fossero raccolte tutte le informazioni necessarie. Dove andare, a chi chiedere aiuto e come muoversi. Proprio per aiutare le donne in difficoltà, sono nate iniziative spontanee in rete di soccorso: dalla rete di Consultori privati laici al canale Telegram SOS Aborto_Covid-19, organizzato da Obiezione respinta, fino al blog “IVG-ho abortito e sto benissimo” che ha raccolto numerose segnalazioni.

Leggi tutto l’articolo su ilfattoquotidiano.it (7 maggio 2020)

Informazioni su EC

Giornalista pubblicista, bibliotecaria, web content editor, video-maker. Argomenti: diritto alla salute e salute riproduttiva, contrasto alla violenza di genere, studi di genere, cittadinanza attiva Instagram: @Eleonora_Cir

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Diritti d’autore

I materiali del sito sono rilasciati sotto licenza Creative commons 3.0 – non commerciale – condividi allo stesso modo.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: